Gli esperimenti evolutivi di un “cugino” dell’uomo

0
15
In un sistema di caverne del Sudafrica è stato scoperto il cranio fossile più antico e completo di Paranthropus robustus, un ominide – o ominine, secondo la più recente terminologia adottata nella letteratura scientifica – basso, robusto e con una dentatura prominente, estinto attorno a un milione di anni fa.
Il cranio (classificato come reperto DNH 155), venuto alla luce nel 2018 nelle grotte di Drimolen, vicino a Johannesburg, appartiene a un uomo vissuto 2 milioni di anni fa. Ha stupito per alcune singolari caratteristiche anatomiche, che fanno pensare a episodi di microevoluzione all’interno di una singola specie: un fenomeno così sottile e sfuggente che è di solito molto difficile da documentare con reperti fossili.
. Più piccolo del previsto. Il Paranthropus robustus fece la sua comparsa più o meno in contemporanea a un nostro antenato diretto, l’Homo erectus, con il quale condivise habitat e, per un periodo, l’epoca storica. Le due specie avevano caratteristiche molto diverse: la prima un cervello piuttosto sviluppato e denti piccoli, la seconda un cervello piccolo e denti grandi, adatti a masticare fibre resistenti, semi e radici. Secondo Angeline Leece, archeologa presso l’Università di La Trobe (Australia) e prima autrice dello studio pubblicato su Nature Ecology and Evolution, «i due costituiscono diversi esperimenti evolutivi. Anche se noi rappresentiamo il lignaggio che alla fine vinse, i ritrovamenti fossili suggeriscono che il P. robustus fosse molto più comune dell’Homo erectus nel paesaggio di due milioni di anni fa».
All’inizio, si pensava che le femmine di questa specie fossero molto più piccole dei maschi e che il P. robustus vivesse in una struttura sociale simile a quella dei gorilla, con grandi maschi dominanti circondati da gruppi di femmine più minute. Eppure il cranio appena scoperto, appartenuto a un maschio, è molto più piccolo degli altri reperti dello stesso genere e più simile in dimensioni a quello delle femmine dello stesso sito archeologico.. Trasformazione necessaria. La differenza nelle dimensioni non sembra quindi legata a diversità di genere, ma piuttosto a caratteristiche peculiari sviluppate da specifiche popolazioni. Queste differenze potrebbero essere state portate da un improvviso cambiamento delle condizioni climatiche avvenuto in Sudafrica ai tempi del Paranthropus: gli esemplari delle grotte di Drimolen, i più antichi che si conoscano, mostrano tratti anatomici che li rendevano probabilmente meno capaci di mordere e masticare con la forza mostrata da una popolazione successiva di P. robustus, quella del sito sudafricano di Swartkrans, dove sono stati trovati la maggior parte dei fossili di questa specie.
«Nell’arco di 200.000 anni, un clima più secco portò la selezione naturale a favorire l’evoluzione di un apparato alimentare più efficiente e potente nella specie», afferma Jesse Martin, coautore dello studio. Se l’ipotesi fosse confermata, quello che emerge dal confronto dei fossili dell’ominide estinto sembrerebbe un raro esempio di microevoluzione all’interno di uno stesso gruppo umano: il Paranthropus avrebbe con il tempo evoluto un cranio più robusto per affrontare condizioni ambientali più difficili e adattarsi a un crescente stress alimentare.
.